Uncategorized

Italiani più ricchi nel 2023, ecco la lista completa dei primi 10

Italiani più ricchi nel 2023, ecco la lista completa dei primi 10 Tecnoandroid

In un paese iconico per il suo lusso esuberante, tra cui l’alta moda milanese, la cucina tradizionale e il vino toscano, forse non sorprende che l’Italia sia anche la patria di alcune delle persone più ricche del mondo.

Tuttavia, molti dei nomi in questo elenco hanno dovuto lavorare sodo per raggiungere la vetta. Come vedrai, questi miliardari e magnati degli affari provengono da tutti i tipi di background, avendo trovato successo in settori diversi come dolciumi, occhiali e articoli di design.

Quindi, se ti stai chiedendo chi ha accumulato la fortuna più grande ecco i 10 italiani più ricchi secondo Forbes.

Miuccia Prada

Miuccia Bianchi Prada è una donna d’affari e stilista di fama mondiale. È la stilista capo del noto marchio Prada, nonché fondatrice di una società di abbigliamento sussidiaria chiamata Miu Miu.

È la nipote più giovane di Mario Prada e ha rilevato il marchio di lusso nel 1978. Da allora ha acquisito anche altri marchi di alto profilo come Jil Sander e Helmut Lang. Nel 2002, intanto, ha aperto il suo museo d’arte contemporanea.

Prada è stata circondata da polemiche nel 2014 quando è stata indagata dalla Procura di Milano a causa di una presunta evasione fiscale, che l’ha portata a pagare oltre 400 milioni di euro nel 2016.

Patrizio Bertelli

Il marito di Prada, Patrizio Bertelli, è l’amministratore delegato di Prada e un uomo d’affari miliardario. Inizia la sua carriera all’età di 21 anni, quando crea l’azienda di pelletteria Sir Robert, che diventa la base della sua crescita imprenditoriale. Ha incontrato Prada negli anni ’70 e quella che era iniziata come una relazione professionale è presto sbocciata in una relazione romantica, quando in seguito si sono sposati.

Bertelli ha creato un nuovo modello di business all’interno di Prada riunendo tutti i processi interni in modo da poter avere il pieno controllo della linea di produzione e degli standard di qualità, il che ha portato alla rapida espansione dell’azienda negli anni ’80 e ’90.

Bertelli è stato coinvolto anche nel contenzioso tributario del 2014.

Augusto e Giorgio Perfetti

In qualità di comproprietari dei colossi dolciari Perfetti Van Melle, i fratelli Augusto e Giorgio Perfetti sono responsabili di fornire al mondo una serie di prodotti rinomati; Mentos, Fruittella e Chupa Chups (acquisita nel 2006) sono ora tutti prodotti sotto l’egida Perfetti Van Melle.

Dopo l’acquisizione delle partecipazioni di Perfetti Van Melle nel 2001, l’azienda si è affermata come il terzo più grande produttore di dolciumi al mondo, dopo Mondelez International e Mars, Inc. I due fratelli, entrambi notoriamente timidi, ora vivono in Svizzera e non mantengono alcun coinvolgimento nella gestione quotidiana dell’attività.

Piero Ferrari

Piero Lardi Ferrari, secondo e unico erede vivente di Enzo Ferrari, possiede una quota del 10,23% della società Ferrari e ne è il vice presidente.

Ha iniziato la sua carriera come traduttore informale per suo padre, ma è stato ufficialmente assunto all’inizio degli anni ’70 come supervisore tecnico. Nel 1974 è passato al team di Formula Uno come co-organizzatore, dove ha assistito i direttori sportivi.

Ferrari è anche presidente di HPE COXA, che ha fondato nel 1998. Lo scopo di questa impresa era creare servizi di ingegneria di fascia alta e produzione di alta precisione di prototipi di nicchia.

Giuseppe De’Longhi e famiglia

Gli appassionati di caffè avranno probabilmente familiarità con le macchine da caffè De’Longhi, di cui è responsabile Giuseppe, presidente della capogruppo De’Longhi SpA.

Sebbene l’azienda, fondata a Treviso nel 1902, abbia inizialmente fatto fortuna producendo caloriferi, condizionatori ed elettrodomestici, è nel 1990 che diventa un nome familiare nel campo delle macchine da caffè di alta qualità di cui oggi il nome di famiglia è sinonimo.

Sotto la guida di De’Lognhi, l’azienda ha stretto accordi di distribuzione e produzione di successo con altri giganti del mercato, come Kenwood e Braun, mentre la linea familiare sembra al sicuro; il figlio Fabio è l’attuale amministratore delegato dell’azienda.

Massimiliana Landini Aleotti e famiglia

In qualità di vedova del magnate farmaceutico Alberto Aleotti, Massimiliana Aleotti, insieme ai figli Lucia e Alberto Giovanni, ha ereditato il controllo dell’influente Gruppo Menarini nel 2014, pur mantenendone la proprietà complessiva.

La famiglia non è stata senza polemiche, però. Lucia e Alberto Giovanni (insediati rispettivamente come presidente e vicepresidente) sono stati condannati per frode fiscale e riciclaggio di denaro nel 2016, ricevendo pene detentive di 10 e 7,5 anni. Tuttavia, nel dicembre 2018, la Corte d’Appello di Firenze ha ribaltato questo verdetto, scagionando i fratelli da ogni illecito.

Silvio Berlusconi e famiglia

Uno dei personaggi più controversi ed enigmatici della politica italiana ed europea, Silvio Berlusconi ha fatto fortuna attraverso il suo conglomerato mediatico Fininvest, prima di servire il primo dei suoi tre mandati come Primo Ministro italiano nel 1994. Da allora, “Il Cavaliere” è stato coinvolto in numerosi scandali di ricatto, corruzione e frode fiscale, culminati in un ordine del tribunale (successivamente revocato) che gli ha vietato di candidarsi a cariche politiche nel 2014.

Nonostante le continue accuse di un conflitto di interessi tra i suoi media e le sue carriere politiche, Berlusconi insieme alla sua famiglia mantiene ancora il controllo sul suo vasto impero mediatico. Nel 2017, intanto, ha venduto la squadra di calcio del Milan (di cui aveva mantenuto la proprietà per 31 anni) a un gruppo di investimento cinese per 740 milioni di euro.

TOP 3 – Giorgio Armani

Sebbene il suo nome sia ormai sinonimo globale di lusso ed esuberanza, i primi anni di Giorgio Armani non avrebbero potuto essere più diversi. Nato in una famiglia della classe operaia, il magnate della moda ha trascorso del tempo alla facoltà di medicina e nell’esercito, prima di trovare lavoro come vetrinista in un grande magazzino di Milano nel 1957.

Dopo aver costruito la sua reputazione come designer negli anni ’60 e ’70, Armani ha finalmente fondato la sua leggendaria etichetta omonima nel 1975, trasformandola in una potenza globale che ora conta oltre 60 negozi in 37 paesi. Dal 2005, il marchio si è anche diversificato in hotel di lusso, tra cui un flagship hotel al Burj Khalifa di Dubai.

Il re della moda, nel frattempo, non mostra segni di rallentamento. È ancora responsabile della gestione quotidiana dell’azienda e deve ancora nominare un successore per quando alla fine si dimetterà.

Leonardo Del Vecchio e famiglia

Nato in povertà nel 1935, il magnate degli occhiali è stato mandato in un orfanotrofio all’età di 7 anni, prima di diventare apprendista in una fabbrica di componenti all’età di 14 anni per sbarcare il lunario.

Inizialmente deciso a frequentare la scuola di design, Del Vecchio ha invece utilizzato le sue capacità di lavorazione dei metalli per avviare un’attività di produzione di occhiali, creando l’ormai leggendaria Luxottica nel 1967. Da allora, l’azienda ha acquisito alcune delle più grandi aziende di occhiali del mondo, tra cui Ray -Ban, Oakley e Sunglass Hut, mentre continuano a realizzare montature per marchi di stilisti come Armani, Bulgari e Chanel.

Purtroppo, Leonardo è deceduto il 27 giugno 2022, all’età di 87 anni, quindi la famiglia sta discutendo sui prossimi passi da compiere.

Giovanni Ferrero

Costruito interamente su una ricetta segreta di cacao e nocciole chiamata Pasta Gianduja, o come la chiama ora il resto del mondo: Nutella, l’impero Ferrero è un’impresa globale multimiliardaria attualmente guidata da Giovanni Ferrero, nipote del fondatore dell’azienda Pietro.

Notoriamente stanca dello spionaggio industriale (è vietato ai media l’accesso agli stabilimenti produttivi dell’azienda), Ferrero produce anche la gamma di prodotti Kinder, oltre alle mentine Tic Tac. Sotto l’astuta leadership di Ferrero, l’azienda ha da allora aggiunto diversi marchi Nestlé, oltre a numerosi marchi di prodotti dolciari nel mercato nordamericano, a questo impressionante portafoglio.

Italiani più ricchi nel 2023, ecco la lista completa dei primi 10 Tecnoandroid

Con Conto Arancio hai il 3% annuo lordo per 12 mesi, senza vincolare i tuoi soldi! Scopri la promozione sul conto deposito e gli altri servizi bancari
To Top